• Laurea: Magistrale Biennale
  • Classe: LM-14
  • Durata: 2 anni
  • CFU: 120

Il corso in Letteratura lingua e cultura italiana si propone di fornire allo studente una preparazione approfondita nel campo degli studi letterari, linguistici e filologici italiani, dalle origini romanze alla contemporaneità, nonché nel campo della storia e dei linguaggi dell’arte, sulla base di conoscenze metodologiche, teoriche e critiche di tipo specialistico.
Il laureato acquisirà la capacità di ampliare le conoscenze di base del primo ciclo di studi; affrontare tematiche originali nell’ambito del proprio settore di studi, individuando in modo autonomo gli strumenti di approfondimento e gli appropriati percorsi metodologici; approdare a una conoscenza avanzata e utilizzare con proprietà, nella scrittura e nell’oralità, almeno una lingua dell’Unione europea oltre l’italiano (due nel curriculum di Promozione culturale); utilizzare in maniera adeguata, negli ambiti di ricerca propri del corso di laurea magistrale, i principali strumenti informatici.

Il corso di laurea magistrale punta a formare laureati idonei alla ulteriore prosecuzione degli studi e alla ricerca (con accesso ai master di secondo livello, ai corsi di perfezionamento e alle scuole di dottorato), nonché in grado di accedere con una preparazione adeguata al mondo del lavoro. Mantenendo la consolidata e crescente offerta formativa, viene potenziata la risposta educativa rivolta a coloro che sono interessati all’arte e alla cultura italiana, ai fini di promozione, tutela, valorizzazione organizzazione di eventi nel settore, tenendo particolarmente presenti gli aspetti della sostenibilità, con un’attenzione alla formazione consapevole. In linea con una vocazione internazionalistica (ma anche con eventuali nostri laureati della triennale di lingue), sono previsti anche CFU relativi all’insegnamento dell’italiano agli stranieri e un corso di lingua araba .

Curriculum filologico

 

SSD Sigla

 

Esame

 

CFU

 

 

1° Anno di Corso
L-FIL-LET/10 B lingua e lett. Italiana LETTERATURA ITALIANA 12
L-FIL-LET/12 B lingua e lett. Italiana LINGUISTICA ITALIANA 12
L-LIN/12 B lingue e letterature moderne LINGUA INGLESE 6
UN ESAME A SCELTA TRA:
 

M-STO/01

 

B

discipline storiche, filosofiche, antropol. e sociologiche  

STORIA MEDIOEVALE

 

12

 

 

 

M-STO/02

 

B

discipline storiche, filosofiche, antropol. e sociologiche  

STORIA MODERNA

 

12

 

 

UN ESAME A SCELTA TRA:
 

L-FIL-LET/13

 

B

discipline linguistiche, filologiche e metod. FILOLOGIA DELLA LETTERATURA ITALIANA  

6

 

 

 

M-STO/09

 

B

discipline linguistiche, filologiche e metod.  

PALEOGRAFIA

 

6

 

 

 

L-FIL-LET/09

 

B

discipline linguistiche, filologiche e metod. FILOLOGIA DELLE LETT. ROMANZE MEDIEVALI  

6

 

 

UN ESAME A SCELTA TRA:
 

L-LIN/01

 

B

discipline linguistiche, filologiche e metod. PRAGMATICA E LINGUISTICA TESTUALE  

6

 

 

L-FIL-LET/14

 

 

B

 

discipline linguistiche, filologiche e metod.

CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE (MUTUA DA LM 37)  

 

6

 

 

 

 

UN ESAME A SCELTA TRA:

L-LIN/13 C Attività formative affini o integrative LETTERATURA TEDESCA

(mutuato da LM/37)

6
L-LIN/03 C Attività formative affini o integrative LETTERATURA FRANCESE

(mutuato da LM/37)

6
L-LIN/05 C Attività formative affini o integrative LETTERATURA SPAGNOLA

mutuato da LM/37)

6
 

L-LIN/10

 

C

Attività formative affini o integrative LETTERATURA INGLESE

(mutuato da LM/37)

 

6

 

 

 

L-FIL-LET/04

C Attività formative affini o integrative LETTERATURA LATINA 1 6  

 

 

L-FIL-LET/02

 

C

Attività formative affini o integrative  

LETTERATURA GRECA 1

6
2° Anno di Corso
UN ESAME A SCELTA TRA:
 

L-ART/02

 

B

discipline linguistiche, filologiche e metod. STORIA DELL’ARTE MODERNA  

6

 

 

 

L-ART/03

 

B

discipline linguistiche, filologiche e metod. STORIA DELL’ARTE CONTEMPORANEA  

6

 

 

UN ESAME A SCELTA TRA:
 

M-GGR/01

 

C

Attività formative affini o integrative  

GEOGRAFIA

 

6

 

 

 

L-FIL-LET/11

 

C

Attività formative affini o integrative LETTERATURA ITALIANA CONTEMPORANEA  

6

 

 

 

L-LIN/02

 

 

C

 

Attività formative affini o integrative

DIDATTICA DELLA LINGUA MADRE, SECONDA E

STRANIERA

 

 

6

 

 

 

 

L-ANT/02

 

C

Attività formative affini o integrative  

STORIA GRECA

 

6

 

 

UN ESAME A SCELTA TRA:
 

L-ANT/03

 

C

Attività formative affini o integrative  

STORIA ROMANA

 

6

 

 

 

 

M-STO/08

 

 

C

 

Attività formative affini o integrative

GESTIONE DELLE BIBLIOTECHE E DELLE RISORSE DIGITALI  

 

6

 

 

 

 

M-PED/03

 

C

Attività formative affini o integrative DIDATTICA E PEDAGOGIA SPECIALE  

6

 

 

 

M-STO/04

 

C

Attività formative affini o

integrative

STORIA CONTEMPORANEA

(mutuato da LM 37)

 

6

 

 

UN ESAME A SCELTA TRA:
 

L-FIL-LET/04

 

B

Attività formative affini o integrative  

LETTERATURA LATINA 2

 

6

 

 

 

L-FIL-LET/02

 

B

Attività formative affini o integrative  

LETTERATURA GRECA 2

 

6

 

 

 

L-FIL-LET/13

 

B

Attività formative affini o integrative FILOLOGIA DELLA LETTERATURA ITALIANA  

6

 

 

 

L-FIL-LET/09

 

B

Attività formative affini o integrative FILOLOGIA DELLE LETT. ROMANZE MEDIEVALI  

6

 

 

 

M-STO/09

 

B

Attività formative affini o

integrative

 

PALEOGRAFIA

 

6

 

 

 

L-FIL-LET/05

 

B

Attività formative affini o integrative  

FILOLOGIA CLASSICA

 

6

 

 

 

art.10, comma 5, lettera d ABILITA’ INFORMATICHE E TELEMATICHE 2
PER LA PROVA FINALE 18
art.10, comma 5, lettera d TIROCINI e/o LABORATORI 4
ESAMI A SCELTA DELLO STUDENTE (oppure uno degli affini non sostenuti in precedenza)
 

M-DEA/01

 

B

discipline storiche, filosofiche, antropol. E sociologiche ANTROPOLOGIA CULTURALE  

6

 

 

LABORATORI 2
LABORATORIO DI

SCRITTURA (mutua da L10)

2  

 

FONETICA (mutua da L10) 2
LABORATORIO DI PALEOGRAFIA GRECA 2  

 

LABORATORIO DI RICERCA BIBLIOGRAFICA 2  

 

 

Curriculum promozione culturale

 

SSD Sigla

 

Esame

 

CFU

 

 

1° Anno di Corso
L-FIL-LET/10 B lingua e lett. Italiana LETTERATURA ITALIANA 12
L-FIL-LET/12 B lingua e lett. Italiana LINGUISTICA ITALIANA 12
L-LIN/12 B lingue e letterature moderne LINGUA INGLESE      6
UN ESAME A SCELTA TRA:
 

M-STO/01

 

B

discipline storiche, filosofiche, antropol. E sociologiche  

STORIA MEDIOEVALE

 

12

 

 

 

M-STO/02

 

B

discipline storiche, filosofiche,

antropol. E sociologiche

 

STORIA MODERNA

 

12

 

 

UN ESAME A SCELTA TRA:
 

M-DEA/01

 

B

discipline storiche, filosofiche, antropol. E sociologiche ESTETICA E TEORIA DELLA PERCEZIONE  

6

 

 

 

SPS/08

 

B

discipline storiche, filosofiche, antropol. E sociologiche SOCIOLOGIA DEI PROCESSI CULTURALI  

6

 

 

UN ESAME A SCELTA TRA:
 

L-ART/04

 

B

discipline storiche, filosofiche, antropol. e sociologiche MUSEOLOGIA E CRITICA ARTISTICA  

6

 

 

 

L-ART/07

 

B

discipline storiche, filosofiche, antropol. e sociologiche MUSICOLOGIA E STORIA

DELLA MUSICA                                  6

 

 

 

 

M-STO/08

 

 

B

 

discipline storiche, filosofiche, antropol. E sociologiche

GESTIONE DELLE BIBLIOTECHE E DELLE RISORSE DIGITALI  

 

6

 

 

 

UN ESAME A SCELTA TRA:
 

L-OR/12

 

c

discipline linguistiche, filologiche e metod. LINGUA E TRADUZIONE

ARABA (mutuato da L11)

 

6

 

 

 

 

L-LIN/04

 

 

c

 

discipline linguistiche, filologiche e metod.

LINGUA E TRADUZIONE

FRANCESE (mutuato da LM 37)

 

 

6

 

 

 

 

 

L-LIN/07

 

 

c

 

discipline linguistiche, filologiche e metod.

LINGUA E TRADUZIONE

SPAGNOLA (mutuato da LM 37)

 

 

6

 

 

 

 

L-LIN/07

 

c

discipline linguistiche, filologiche e metod. LINGUA E TRADUZIONE

TEDESCA (mutuato da LM 37)

 

6

 

 

2° Anno di Corso
UN ESAME A SCELTA TRA:
 

L-ART/02

 

B

discipline linguistiche, filologiche e metod. STORIA DELL’ARTE MODERNA  

6

 

 

 

L-ART/03

 

B

discipline linguistiche, filologiche e metod. STORIA DELL’ARTE CONTEMPORANEA  

6

 

 

UN ESAME A SCELTA TRA:
 

L-ART/02

 

C

Attività formative affini o integrative STORIA DELL’ARTE MODERNA  

6

 

 

 

L-ART/03

 

C

Attività formative affini o integrative STORIA DELL’ARTE CONTEMPORANEA  

6

 

 

 

M-STO/08

 

C

Attività formative affini o integrative ARCHIVISTICA DIGITALE E INFORMATICA PER LE SCIENZE UMANE  

 

6

 

 

 

 

M-STO/09

 

C

Attività formative affini o integrative  

PALEOGRAFIA

 

6

 

 

 

L-FIL-LET/04

 

C

Attività formative affini o integrative  

LETTERATURA LATINA 1

 

6

 

 

UN ESAME A SCELTA TRA:
 

L-ART/01

 

C

Attività formative affini o integrative STORIA DELL’ARTE MEDIEVALE  

6

 

 

 

L-ANT/03

 

C

Attività formative affini o integrative  

STORIA ROMANA

 

6

 

 

 

M-GGR/02

 

C

Attività formative affini o integrative POLITICHE DI PROMOZIONE DEL TERRITORIO  

6

 

 

 

 

L-LIN/02

 

 

C

 

Attività formative affini o integrative

DIDATTICA DELLA LINGUA MADRE, SECONDA E STRANIERA  

 

6

 

 

 

 

L-FIL-LET/11

 

C

Attività formative affini o integrative LETTERATURA ITALIANA CONTEMPORANEA  

6

 

 

UN ESAME A SCELTA TRA:
 

 

L-ANT/07

 

 

C

 

Attività formative affini o integrative

ARCHEOLOGIA E STORIA DELLE CULTURE DEL

MEDITERRANEO

 

 

6

 

 

 

 

M-STO/04

 

C

Attività formative affini o integrative STORIA CONTEMPORANEA

(mutuato da LM37)

 

6

 

 

 

 

 

 

SPS/08

 

 

 

 

C

 

 

 

Attività formative affini o integrative

EDUCAZIONE AL PAESAGGIO E AI BENI CULTURALI: PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE

SOSTENIBILE

 

 

 

 

6

 

 

 

 

 

art.10, comma 5, lettera d ABILITA’ INFORMATICHE E TELEMATICHE 2
PER LA PROVA FINALE 18
art.10, comma 5, lettera d TIROCINI e/o LABORATORI 4
ESAMI A SCELTA DELLO STUDENTE (oppure uno degli affini non sostenuti in precedenza)
 

L-FIL-LET/14

 

B

discipline linguistiche, filologiche e metod. CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE  

6

 

 

LABORATORIO DI LETTURA DELL’IMMAGINE 2  

 

LABORATORIO DI INTERCULTURALITA’ 2  

 

LABORATORIO DI PALEOGRAFIA GRECA 2  

 

LABORATORIO DI RICERCA

BIBLIOGRAFICA

2  

 

Obiettivi formativi

Obiettivi formativi

I laureati nel corso di laurea magistrale in Filologia Moderna al termine del percorso avranno acquisito una solida formazione di base metodologica, indispensabile per i futuri insegnanti di area linguistico-letteraria, storica e artistica, ma caratterizzante anche profili di alta versatilità nei campi dell’editoria libraria e multimediale, della conservazione della memoria, dell’elaborazione, valorizzazione e promozione culturale.

Il corso di laurea ha lo scopo di formare un operatore di cultura umanistica, con buone competenze informatiche e tecnologiche, dotato di strumenti di analisi e critica e di competenze teorico-pratiche articolate, in grado di trarre profitto dalle interferenze disciplinari fra i diversi filoni culturali previsti. Le competenze fanno riferimento ad una base culturale articolata, che nel corso del biennio somma diverse conoscenze e metodologie. In particolare, al primo anno comprenderà conoscenze di carattere storico e teorico sulla letteratura, sulle arti, sulla storia, impostate criticamente e accompagnate da conoscenze tecnico-linguistiche. Il secondo anno sarà dedicato specificamente a sviluppare competenze metodologiche approfondite nel dominio della letteratura o della gestione dei beni culturali.

Da un lato pertanto si curerà la capacità di inserire con consapevolezza critica le diverse tradizioni letterarie nella prospettiva storico-politica e culturale delle varie epoche; la capacità di analizzare i testi sulla base di una solida strumentazione filologica, linguistica e retorica. Allo studente verrà offerta la possibilità di assecondare le proprie inclinazioni e i propri orientamenti professionali attraverso la scelta di vari insegnamenti che consentano l’approfondimento delle discipline classiche, fondamentali in un percorso di insegnamento, di quelle linguistiche o filologiche necessarie per intraprendere percorsi accademici, o di quelle utilissime nell’ambito editoriale dell’informazione.
Dall’altro invece l’interesse sarà rivolto principalmente ai settori della tutela e della valorizzazione del patrimonio culturale, materiale e immateriale, e nella progettazione e realizzazione degli eventi in un’ottica integrata di patrimoni culturali e ambientali. Il piano di studi comprende attività finalizzate all’acquisizione di conoscenze avanzate nei campi dell’analisi, della comunicazione e della gestione del patrimonio culturale, connettendo i vari saperi specialistici (storico-culturali, socio-economici, artistici e territoriali).

Particolare attenzione viene posta alle conoscenze linguistiche, all’informatica e alle attività di stage e tirocinio curriculare presso enti pubblici e privati per applicare nella pratica le conoscenze teoriche acquisite, con l’obiettivo di progettare, realizzare, gestire e valorizzare attraverso efficaci strategie comunicative, iniziative di carattere culturale.

Le competenze informatiche e tecnologiche, indispensabili per lo studente dell’università telematica, potranno essere sfruttate con profitto anche in campo professionale. A livello operativo, il laureato sarà in grado di agire nei settori della ricerca e dell’istruzione, sarà preparato per l’elaborazione e la diffusione di prodotti culturali (grazie anche ai laboratori di scrittura previsti dal percorso di studi) e potrà essere impiegato come figura di alto profilo in enti pubblici e privati nei settori della cultura, dell’editoria, dell’informazione culturale, della pubblicità e dello spettacolo.

A partire da un’ampia base di insegnamenti comuni, incardinata su un’ottima conoscenza della letteratura italiana, della linguistica italiana, della lingua inglese, su un esame approfondito di storia medievale o moderna e di storia dell’arte moderna o contemporanea, il corso offre allo studente la possibilità di optare fra due curricula specifici centrati rispettivamente sull’approfondimento delle competenze testuali applicate ai settori dell’insegnamento e dell’editoria oppure rivolto più spiccatamente al settore artistico e della promozione culturale:
Curriculum filologico: il curriculum costituisce il secondo segmento del percorso di formazione degli insegnanti nella scuola secondaria di primo e secondo grado, da completare (secondo quanto previsto dalla normativa) con un corso di Formazione Iniziale e Tirocinio (FIT). Al temine del percorso lo studente giungerà a possedere ampie conoscenze scientifico-disciplinari e notevoli capacità di analisi critica dei dati testuali e contestuali della letteratura italiana ed europea, medievale e moderna.

L’obiettivo principale è quello di portare lo studente a sviluppare una conoscenza metodologicamente approfondita della tradizione letteraria, una solida capacità di inserire con consapevolezza critica tale tradizione nella prospettiva storico-politica e culturale delle varie epoche e di analizzarne i testi sulla base di una corretta strumentazione filologico-linguistica e retorica. Per questo sono previsti primariamente insegnamenti relativi ai settori della Letteratura italiana (L-FIL-LET/10), delle Letterature straniere (Inglese [L-LIN/10], Tedesca [L-LIN/14], Francese [L-LIN/04] e Spagnola [L-LIN/05]) e della Letteratura italiana contemporanea (L-FIL-LET/11). Parallelamente, il percorso magistrale in Filologia moderna prevede tra le discipline caratterizzanti le discipline filologiche: la Filologia della Letteratura italiana, la Filologia Romanza, la Filologia Classica (L-FIL-LET/13, L-FIL-LET/09, L-FIL-LET/05). Un altro obiettivo del corso di studio è quello di sviluppare nello studente una conoscenza approfondita delle forme del linguaggio, delle tecniche della comunicazione e delle forme di cultura (Linguistica Italiana [L-FIL-LET/12], Antropologia culturale [ABST55], Pragmatica e linguistica testuale [L-LIN/01]). La capacità di cogliere i legami fra le letterature moderne e il mondo antico verrà garantita attraverso lo studio della civiltà classica (Letteratura latina [L-FIL-LET/04] e greca [L-FIL-LET/02], Storia romana [L-ANT/03]), nella sua fase antica e nella sua fortuna medievale e moderna (Paleografia [M-STO/09]). Completeranno il profilo dello studente gli insegnamenti di Storia (Storia Medievale [M-STO/01], Storia Moderna [M-STO/02]), di Geografia [M-GGR/01], e di Storia dell’arte (moderna [L-ART/02] e contemporanea [L-ART/03]) che costituiscono un necessario supporto per la contestualizzazione storico-culturale. Il potenziamento delle abilità e delle competenze dello studente viene inoltre perseguito attraverso la proposta di specifiche attività di didattica laboratoriale nell’ambito della riflessione sulle strutture della lingua (Laboratorio di fonetica), della produzione di testi (Laboratorio di di scrittura), della conoscenza del mondo classico (Laboratorio di Paleografia greca). I settori disciplinari affini o di sede mirano sia ad arricchire il campo di studi specifici del corso di laurea magistrale sia a potenziare le conoscenze della storia culturale e artistica del territorio.

Curriculum di Promozione culturale: il percorso mira alla formazione di figure professionali in grado di operare in istituzioni e centri culturali pubblici e privati (archivi, biblioteche, fondazioni), sia in Italia sia all’estero, nell’editoria per il turismo, nei musei e nelle sovrintendenze. Sulla solida base di insegnamenti comuni si incardinano differenti percorsi possibili entro l’ampia offerta di insegnamenti affini, tra cui segnaliamo in particolare un percorso riservato alla storia dell’arte, che copre l’arco dall’antichità all’età contemporanea (L-ART/01, 02, 03) e parte dagli insegnamenti specifici di critica d’arte e museologia (L-ART/04) e di Estetica e teoria della percezione (M-FIL/04); un percorso rivolto maggiormente alla letteratura e alla lingua italiana, intese in senso contrastivo: in quest’ottica sono proposti gli insegnamenti di Critica letteraria e letterature comparate (L-FIL-LET/14) e di didattica della lingua madre, seconda e straniera (L-LIN/02), rivolti tanto agli studenti italiani interessati a lavorare con stranieri, quanto agli studenti stranieri interessati alla cultura italiana; e uno infine incardinato sui processi culturali ed espressivi, per il quale è fondamentale la Sociologia dei processi culturali (SPS/08). Completano il percorso formativo alcuni esami a scelta che offrono approfondimenti nella direzione delle culture del Mediterraneo (Archeologia e storia delle culture del Mediterraneo (L-ANT/07), degli istituti di conservazione (Gestione delle Biblioteche e delle risorse digitali, Archivistica digitale [M-STO/08], Paleografia [M-STO/09]), della Letteratura (Letteratura latina [L-FIL-LET/04], Letteratura italiana contemporanea [L-FIL-LET/11]). In questa prospettiva sono proposti i corsi di Politiche di promozione del territorio (M-GGR/02) e infine il corso dedicato specificamente all’Educazione alla valorizzazione del paesaggio e dei beni culturali (SPS/08): tasselli rilevanti entro un quadro completo di formazione mirata ad attività di promozione della cultura e della civiltà italiane, presso aziende ed enti pubblici e privati, italiani e stranieri, che si occupano di far conoscere e valorizzare il patrimonio artistico e culturale italiano. Il laureato potrà inoltre dare la propria collaborazione di esperto nelle agenzie e negli enti, italiani e stranieri, che promuovono, propagandano e facilitano il turismo in Italia. Per questo motivo, oltre ad un esame obbligatorio di lingua inglese, è richiesta la conoscenza di almeno una seconda lingua straniera, in un’ampia scelta che include, accanto alle principali lingue straniere europee (L-LIN/04, 07, 14), la lingua araba (L-OR/12), perseguendo un’ottica di muticulturalità entro il bacino del Mediterraneo.

Sbocchi occupazioniali

Sbocchi occupazionali

Ambiti: Biblioteche, Musei, Archivi, Case editrici, Redazioni giornalistiche, Uffici stampa Centri di documentazione e fondazioni, Enti pubblici e privati per la tutela, valorizzazione e promozione del patrimonio storico, culturale e artistico. Figure professionali:

1. Dialoghisti e parolieri
2. Redattori di testi per la pubblicità
3. Redattori di testi tecnici
4. Linguisti e filologi
5. Revisori di testi
6. Bibliotecari
7. Ricercatori e tecnici laureati nelle scienze dell’antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche
8. Insegnanti
9. Esperti di lingua e cultura italiana
10 Promotori culturali.

Modalità di ammissione

Modalità di ammissione

L’accesso al Corso di Studio non è a numero programmato.
Per essere ammessi ad un corso di laurea magistrale occorre essere in possesso della laurea o del diploma universitario di durata triennale, ovvero di altro titolo di studio conseguito all’estero, riconosciuto idoneo.

L’Ateneo stabilisce, per ogni corso di laurea magistrale, criteri di accesso che prevedono il possesso di specifici requisiti curriculari: per il CdS Magistrale Letteratura , lingua e cultura italiana (LM 14) si permette l’accesso diretto agli studenti che abbiano conseguito un precedente titolo di studio nelle classi di laurea:
A) ai sensi del D.M. 270/04: L-1 BENI CULTURALI, L-3 DISCIPLINE DELLE ARTI FIGURATIVE, DELLA MUSICA, DELLO SPETTACOLO E DELLA MODA, L-5 FILOSOFIA, L-6 GEOGRAFIA, L-10 LETTERE, L-11 LINGUE E CULTURE MODERNE, L-42 STORIA, L-43 TECNOLOGIE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DEI BENI CULTURALI
B) ai sensi del D.M. 509/99: Classe 5 Lettere, Classe 11 – Lingue e culture moderna, Classe 13 – Scienze dei beni culturali, Classe 23 – Scienze e tecnologie delle arti figurative, della musica, dello spettacolo e della moda, Classe 29 Filosofia, Classe 30 – Scienze geografiche, Classe 38 Storia, Classe 41 – Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali. Sono inoltre ammessi gli studenti che abbiano conseguito una laurea del vecchio ordinamento (laurea quadriennale) in Lettere, Lingue, Filosofia, Storia.
Gli studenti che non abbiano conseguito un titolo appartenente alle classi di laurea sopra indicate dovranno aver superato nella carriera pregressa 24 cfu complessivi nei seguenti settori scientifico-disciplinari più direttamente collegati alla Laurea Magistrale: L-FIL-LET/04, L-FIL-LET/05, L-FIL-LET/10; L-FIL-LET/11; L-FIL-LET/12; L-FIL-LET/13; L-LIN/01; M-FIL/05. Gli studenti devono inoltre possedere 18 cfu complessivi nei seguenti SSD di supporto, di contesto o più generali: L-LIN/01;L-LIN/02;L-LIN/03;L-LIN/04;L-LIN/05;L-LIN/06;L-LIN/07;L-LIN/08;L-LIN/09;L-LIN/10;L-LIN/11;L-LIN/12;L-LIN/13; M-STO/01, M-STO/02, M-STO/05, M-STO/09, M-FIL/06, M-FIL/08.

Metodologia di studio

Metodologia di studio

Ogni insegnamento corrisponde ad un numero di CFU variabile in base al RAD – 6/9/12 CFU- ciascuno a sua volta corrispondente a 25 ore di lavoro delle quali: almeno 5+1 ore distribuite tra DE e DI, massimo 10 ore di lavoro su materiali di studio prodotti dal docente e sui testi adottati e 9 ore di studio personale.

I contenuti dei singoli insegnamenti e le relative attività sono decisi e bilanciati nell’autonomia dei singoli docenti e vengono condivisi all’interno del CdS per un reciproco allineamento, con le modalità sopra illustrate. Ogni docente decide quali attività privilegiare scegliendo tra attività:
DE: video e audio lezioni e webinar organizzati ciclicamente nel corso dell’anno accademico, presentazioni multimediali (slides con commenti audio e immagini); filmati con commento guidato;
DI: attività laboratoriali in aula virtuale, attività wiki sulla piattaforma di ateneo, forum, C-MAP TOOLS, e-tivity di varia natura (report, esercizio, studio di caso, mappe, problem solving, web quest, progetti, produzione di artefatti), test di valutazione (a domande aperte) e test di autovalutazione (in formato quiz) sempre corredati dal ricevimento di un feedback da parte del docente.
Ogni insegnamento dei corsi prevede numerose tipologie di L.O. (learning object) fruibili online, predeterminati dai CFU dell’insegnamento (otto lezioni per ogni CFU, per un totale di almeno 16 ore/CFU di impegno online tra didattica erogativa e didattica interattiva), con lezioni costituite da un’attività di studio principale e da almeno tre sessioni di approfondimento.

Il sistema eCampus supporta L.O. costituiti da:
– presentazioni multimediali (slides);
– videolezioni;
– filmati (formati più diffusi);
– test di valutazione (aperti);
– test di autovalutazione (chiusi);
– testi/dispense standard (pdf, docx);
– testi accessibili (PDF);
– immagini e schemi (formati più diffusi);
– podcast (formati più diffusi),
e tutti i contenuti prevedono un complesso processo di certificazione per step sequenziali ognuno dei quali contribuisce (nell’ambito di uno stato d’avanzamento globale) a completare il percorso di certificazione quali-quantitativo dei L. O. che costituiscono l’insegnamento.

Per le verifiche e lo sviluppo degli apprendimenti i docenti hanno a disposizione numerosi strumenti del VLE.
Monitor Tutoria Online: consente di visualizzare in tempo reale le principali attività che intercorrono tra discente e Tutor durante l’erogazione dell’insegnamento (numero e frequenza degli incontri, contenuti degli incontri, corrispondenza intercorsa, difficoltà riscontrate, revisioni della progettazione dell’erogazione del corso, ecc.).

Forum Tutoria Online-Docenti: consente di discutere e di condividere, all’interno delle rispettive comunità (Docenti e Tutor), problematiche inerenti i L. O. di ogni insegnamento, oltre a consentire ai Tutor di collaborare direttamente con il Docente nell’ottimizzare la fase di trasmissione e di verifica d’apprendimento dei contenuti per ogni singolo discente.

Forum Studenti: consente di discutere e di condividere, all’interno dell’intera comunità degli studenti dell’Ateneo (di ogni CdS), ogni problematica didattica e logistica.
Forum del Corso: coordinato dal Docente, consente di discutere e di condividere, all’interno dell’intera comunità degli studenti che frequentano (online) il corso, ogni problematica didattica, logistica e metodologica.
Webinar: periodicamente organizzati dal docente, rivolti alla classe degli studenti frequentanti e fruibili anche in modalità mobile, sviluppano i nuclei tematici dell’insegnamento, con possibilità, da parte degli allievi, di condividere file e conversazioni (chat), nonché di interagire in modalità live con il Docente, in analogia a quanto accade negli atenei tradizionali (frontali).

Esercitazioni di gruppo: è l’area del VLE dedicata alla partecipazione delle specifiche esercitazioni/integrazioni/ricerche, predisposte dai docenti, per completare il processo di apprendimento online mediante attività cooperative o collaborative tra gruppi di discenti. Le piattaforme utilizzate sono WikieCampus e C-Map Tools.
WikieCampus è un portale mediante il quale i docenti possono assegnare diverse e-tivities a gruppi di studenti, in quanto:
– consente la scrittura cooperativa e/o collaborativa di contenuti multimediali online;
– la partecipazione ad ogni e-tivity, da parte dell’allievo, in questo ambiente, è tracciata e riportata nel RAS (Registro online delle Attività dello Studente);
– arricchisce l’ePortfolio dell’allievo, dove il docente può rilasciare il relativo feedback sulla singola attività svolta.

Creato dall’IHMC, un istituto americano di ricerca universitaria nell’ambito delle scienze cognitive umane e artificiali, C-Map Tools è il software più avanzato oggi esistente per creare mappe concettuali anche molto complesse, in cooperazione e in collaborazione online, sincrona e asincrona. Una mappa concettuale è uno strumento per rappresentare le conoscenze e si sviluppa sulla base di una chiave interpretativa o di una precisa domanda focale (e-tivity).
È possibile esportare una mappa come immagine, pagina web o PDF; inoltre, in una CMap, è possibile inserire molteplici risorse quali documenti di testo in vari formati, video, immagini, altre Cmap, audio, presentazioni, pagine web e file eseguibili. In tal modo una mappa può diventare la struttura base per un ipertesto o un ipermedia.

Per cooperare e/o collaborare con altri studenti è possibile salvare la mappa sul server remoto “Uniecampus”; attraverso i tools di collaborazione sincrona è infatti possibile che un gruppo di allievi condivida contemporaneamente la stessa mappa e collabori alla costruzione della stessa, utilizzando anche una chat per dialogare e concordare il lavoro assegnato dal docente.

ePortfolio: fondamentale componente del sistema eCampus, consente di certificare sia il processo valutativo in itinere che quello sommativo per i singoli insegnamenti. Quando l’insegnamento viene programmato, ad ogni studente si crea un’area specifica dove l’erogatore archivia in modo progressivo:
– gli svolgimenti dei test somministrati online, che vengono inviati automaticamente all’ePortfolio appena lo studente dichiara conclusa questo tipo di attività;
– gli svolgimenti delle esercitazioni infracorso presenti all’interno del singolo L. O., aprendo temporaneamente (e fino a quando non si dichiara conclusa l’attività) allo studente la possibilità di uploadare il relativo file richiesto dal docente.

I docenti hanno poi la possibilità di visualizzare, per ogni allievo, tutte le prove svolte e di inserire sia singole valutazioni che un giudizio complessivo che delle note personali: il tutto, ovviamente, viene istantaneamente reso disponibile al discente nell’area di studio personale.
Sul sito di Ateneo, entro l’inizio di ogni anno accademico, all’interno della sezione Didattica e nelle Schede corso dei singoli insegnamenti, saranno disponibili l’elenco completo degli insegnamenti previsti dal piano dell’offerta formativa, l’articolazione didattica per CFU e la relativa distribuzione in termini di ore e tipologia attività formative previste (con le indicazioni per la Didattica Erogativa, Didattica Interattiva e Autoapprendimento), la metodologia di valutazione adottata, e la suddivisione in unità didattiche o moduli.

Modalità di svolgimento degli esami

Modalità di svolgimento degli esami

La prova finale, denominata esame di laurea magistrale, prevede un elaborato scritto, elaborato in modo originale con cui lo studente dimostrerà l’acquisizione di specifiche competenze culturali e capacità di elaborazione critica secondo modalità che saranno stabilite dal Consiglio di studio competente. L’argomento oggetto di tesi dovrà essere quanto mai specifico e circoscritto in modo da ottimizzare il tempo a disposizione nell’arco del biennio; lo studente sarà seguito nel suo lavoro da un docente di riferimento e da un secondo docente in funzione di correlatore. Sarà garantita la qualità del lavoro sia nei contenuti che nella forma.