was successfully added to your cart.

Carrello

  • Laurea: Triennale
  • Classe: L-3
  • Durata: 3 anni
  • CFU: 180

Il Corso di studio in Design e discipline della moda ha lo scopo di fornire un’adeguata formazione teorico/pratica di base relativamente ai settori artistici, cinematografici, musicali, sociologici, letterari, del design e del fashion, per poter operare nei vari settori relativi al mondo della moda, dall’ideazione del prodotto alla sua realizzazione e diffusione. Agli studenti saranno forniti gli strumenti metodologici e critici di carattere storico-artistico, psico-sociologico, estetico, giuridico e gestionale connessi all’acquisizione delle competenze relative a diversi linguaggi espressivi. Obiettivo del Corso sarà preparare gli studenti a confrontarsi con le innovazioni e le dinamiche nei vari settori del design, della moda e degli interni, preparandoli ad affrontare problematiche culturali, tecnologiche, produttive e stimolandone la creatività sia comunicativa sia ideativa, al fine di un loro inserimento nelle realtà editoriali o industriali legate al campo del fashion e/o del design. A questo fine, il Corso combina specifiche competenze con una buona preparazione umanistica generale e fornisce gli strumenti di base necessari per comunicare nelle forme tradizionali e in quelle più moderne i frutti delle loro conoscenze.

L’accesso al Corso di Studi non è a numero programmato. Per essere ammessi ad un corso di laurea triennale è necessario essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di altro titolo di studio conseguito all’estero, riconosciuto idoneo. Fermo restando il requisito di ammissione viene valutato in ingresso il possesso di adeguate conoscenze e competenze relative alla lingua italiana attraverso un test non selettivo. L’eventuale esito negativo comporta obblighi formativi aggiuntivi (OFA) da soddisfare nel primo anno di corso.

La struttura didattica del Corso prevede, al primo anno, l’acquisizione di competenze di base di carattere sociologico e antropologico, umanistico, storico artistico, economico-gestionale e scientifico-tecnologico, mentre il secondo anno è dedicato a un potenziamento delle competenze di carattere scientifico-tecnologico relative al design applicato alla sfera della moda e di quelle storico-artistiche, oltre all’acquisizione di competenze di base di carattere storico e della conoscenza della lingua inglese, con particolare riferimento alla sfera semantica pertinente all’universo della moda. Infine, il terzo anno è incentrato su di un consolidamento delle competenze tecnico-scientifiche e comunicativo-gestionali, oltre che sulla specializzazione dello studente in alcune delle aree fin qui elencate. Il percorso fin qui delineato viene completato dalla frequentazione di laboratori, dai tirocini formativi e infine dalla prova finale.

Il ricco ventaglio di materie proposte consentirà agli studenti di disporre di elementi conoscitivi che potranno affinare e approfondire in varie direzioni, attingendo a molti e diversi campi del sapere, operando all’interno del variegato mondo dell’interior design e/o del fashion design. Il potenziamento delle abilità e delle competenze dello studente è, inoltre, perseguito attraverso la proposta di specifiche attività di didattica laboratoriale nell’ambito della produzione di testi (Laboratorio di scrittura) o utili a fornire strumenti per interpretare iconograficamente la cultura visuale (Laboratorio di Lettura dell’immagine e Laboratorio di Lettura dell’opera d’arte). Il percorso didattico prevede, infine, un periodo di tirocinio, utile allo studente per confrontarsi direttamente con l’ambiente di lavoro e per applicare e sviluppare le conoscenze teoriche acquisite.

Il Corso di laurea in Design e discipline della moda, in armonia con le disposizioni dell’Ateneo, incoraggia lo scambio di studenti attraverso la cooperazione internazionale e gli accordi bilaterali. Si vedano a tale proposito le indicazioni pubblicate sul sito dell’Ateneo relative alla Cooperazione Internazionale e all’Erasmus Policy.

Curriculum sistemi di elaborazione e controllo

1° Anno di Corso
FIS/01 A FISICA 12
ING-INF/05 A FONDAMENTI DI INFORMATICA 12
MAT/03 A COMPLEMENTI DI MATEMATICA 6
MAT/05 A ANALISI MATEMATICA 12
MAT/05 A ANALISI NUMERICA 6
ING-IND/31 C ELETTROTECNICA 9
L-LIN/12 art.10, comma 5, lettera c LINGUA STRANIERA: LINGUA INGLESE 3
2° Anno di Corso
ING-INF/04 B MODELLISTICA E SIMULAZIONE 9
ING-INF/04 B FONDAMENTI DI AUTOMATICA 9
ING-INF/05 B CALCOLATORI ELETTRONICI E SISTEMI OPERATIVI 12
ING-INF/05 B ALGORITMI E STRUTTURE DATI 6
ING-INF/03 B SEGNALI E SISTEMI 9
ING-INF/05 B BASI DI DATI 6
ING-INF/01 C ELETTRONICA DEI SISTEMI DIGITALI 9
3° Anno di Corso
ING-INF/04 B AUTOMAZIONE INDUSTRIALE (mutua su L9) 6
ING-INF/03 B RETI DI TELECOMUNICAZIONI 6
MAT/09 A RICERCA OPERATIVA 6
ING-INF/05 B INGEGNERIA DEL SOFTWARE 6
ING-IND/12 C MISURE MECCANICHE E TERMICHE 6
ESAMI A SCELTA 18
ulteriori attività art.10, comma 5, lettera d tirocinio 6
prova finale art.10, comma 5, lettera c prova finale 6
a scelta dello studente (terzo anno)
ING-IND/15 COMPUTER AIDED DESIGN (mutua da L9) 9
ING-INF/05 SISTEMI ESPERTI E SOFT COMPUTING 9
ING-INF/01 SISTEMI ELETTRONICI PER LE MISURE 9
ING-IND/10 FISICA TECNICA 9
SECS-P/07 ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE 9

Curriculum Ingegneria delle App

1° Anno di Corso
FIS/01 A FISICA 12
ING-INF/05 A FONDAMENTI DI INFORMATICA 12
MAT/03 A COMPLEMENTI DI MATEMATICA 6
MAT/05 A ANALISI MATEMATICA 12
MAT/05 A ANALISI NUMERICA 6
ING-IND/31 C ELETTROTECNICA 9
L-LIN/12 art.10, comma 5, lettera c LINGUA STRANIERA: LINGUA INGLESE 3
2° Anno di Corso
ING-INF/01 C ELETTRONICA DEI SISTEMI DIGITALI 9
ING-INF/04 B FONDAMENTI DI AUTOMATICA 9
ING-INF/05 B CALCOLATORI ELETTRONICI E SISTEMI OPERATIVI 12
ING-INF/05 B ALGORITMI E STRUTTURE DATI 6
ING-INF/05 B INTERFACCIAMENTO UTENTE e APP 9
ING-INF/05 B PROGRAMMAZIONE DI APP 1 6
ING-INF/05 B INTERNET OF THINGS 9
3° Anno di Corso
ING-INF/04 B AUTOMAZIONE INDUSTRIALE (mutua su L9) 6
ING-INF/02 B COMPATIBILITA’ ELETTROMAGNETICA DI DISPOSITIVI MOBILI 6
MAT/09 A RICERCA OPERATIVA 6
ING-INF/05 B PROGRAMMAZIONE DI APP 2 6
ING-IND/12 C MISURE MECCANICHE E TERMICHE 6
ESAMI A SCELTA 18
ulteriori attività art.10, comma 5, lettera d tirocinio 6
prova finale art.10, comma 5, lettera c prova finale 6
a scelta dello studente (terzo anno)
ING-IND/15 COMPUTER AIDED DESIGN (mutua da L9) 9
ING-INF/05 SISTEMI ESPERTI E SOFT COMPUTING 9
ING-INF/01 SISTEMI ELETTRONICI PER LE MISURE 9
ING-IND/10 FISICA TECNICA 9
SECS-P/07 ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE 9

Curriculum Ingegneria dei Droni

1° Anno di Corso
FIS/01 A FISICA 12
ING-INF/05 A FONDAMENTI DI INFORMATICA 12
MAT/03 A COMPLEMENTI DI MATEMATICA 6
MAT/05 A ANALISI MATEMATICA 12
MAT/05 A ANALISI NUMERICA 6
ICAR/06 C TELERILEVAMENTO DA DRONI 9
L-LIN/12 art.10, comma 5, lettera c LINGUA STRANIERA: LINGUA INGLESE 3
2° Anno di Corso
ING-IND/15 C STRUMENTI PER LA PROGETTAZIONE DI UAV 6
ING-INF/04 B FONDAMENTI DI AUTOMATICA 9
ING-INF/05 B CALCOLATORI ELETTRONICI E SISTEMI OPERATIVI 12
ING-INF/05 B ALGORITMI E STRUTTURE DATI 6
ING-INF/05 B SEGNALI E SISTEMI 9
ING-INF/05 B MODELLISTICA E SIMULAZIONE 9
ING-INF/05 B INTERNET OF THINGS 9
3° Anno di Corso
ING-INF/04 B AUTOMAZIONE INDUSTRIALE (mutua su L9) 6
ING-INF/02 B COMPATIBILITA’ ELETTROMAGNETICA DI DISPOSITIVI MOBILI 6
MAT/09 A RICERCA OPERATIVA 6
ING-INF/05 B CONTROLLO E PROGRAMMAZIONE DI SISTEMI AEROMOBILI A PILOTAGGIO REMOTO 6
ING-IND/12 C MISURE MECCANICHE E TERMICHE 6
ESAMI A SCELTA 18
ulteriori attività art.10, comma 5, lettera d tirocinio 6
prova finale art.10, comma 5, lettera c prova finale 6
a scelta dello studente (terzo anno)
ING-IND/15 COMPUTER AIDED DESIGN (mutua da L9) 9
ING-INF/05 SISTEMI ESPERTI E SOFT COMPUTING 9
ING-INF/01 SISTEMI ELETTRONICI PER LE MISURE 9
ING-IND/10 FISICA TECNICA 9
SECS-P/07 ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE 9
ING-IND/31 ELETTROTECNICA 9
ING-IND/12 SENSORI PER UAV 9

Obiettivi formativi

Obiettivi formativi 

Il corso di laurea in Ingegneria Informatica e dell’Automazione mira a fornire ampie conoscenze di base nel campo della matematica e nei fondamenti delle discipline dell’informazione, quali l’informatica, l’automatica, le telecomunicazioni e l’elettronica, per poter essere in grado di comprendere e valorizzare i principi di funzionamento dei sistemi di elaborazione, sia negli aspetti di tipo hardware (architettura del sistema) che in quelli di tipo software. Nel campo delle telecomunicazioni l’obiettivo è comprendere i principi di elaborazione e di trasmissione dell’informazione e quelli di progetto e gestione delle infrastrutture di rete.

Il percorso formativo è così caratterizzato dalle discipline ingegneristiche dell’Informazione e, come tale, si distingue da altri corsi di laurea più specifici sulle scienze informatiche.
Il percorso di laurea è fortemente orientato ad una preparazione di base, in cui lo studente acquisisce, nella prima metà del percorso formativo, gli elementi fondamentali delle discipline scientifiche indispensabili per gli studi di Ingegneria nel settore dell’Informazione. La preparazione ingegneristica è completata nella seconda parte del percorso formativo con il raggiungimento di conoscenze ingegneristiche intersettoriali, nel campo dell’elettronica e nel campo degli aspetti economici, gestionali e organizzativi di aziende e imprese, e di approfondite competenze nel settore dell’Informatica e dell’Automazione.

Il percorso formativo si articola in tre principali percorsi di didattica programmata (curricula): un percorso svilupperà in maniera equilibrata gli argomenti tipici dei settori ING-INF/04-Automatica e ING-INF/05-Sistemi di Elaborazione dell’Informazione; un secondo percorso programmato potenzierà il settore ING-INF/05 per poter introdurre e approfondire i nuovi campi della conoscenza inerenti alla programmazione informatica web e alla programmazione di applicativi per dispositivi mobili; un terzo percorso approfondirà gli argomenti dei settori ING-INF/04 e ING-INF/05 per la raccolta, l’archiviazione, la gestione e l’analisi di informazioni spaziali.

Sbocchi occupazioniali

Sbocchi occupazionali 

Tecnici programmatori

I principali sbocchi occupazionali sono aziende di sviluppo software, aziende del settore ICT (Information and Communication Technology), imprese nell’ambito dei sistemi informativi e delle reti di calcolatori, aziende che utilizzano sistemi ICT a supporto della produzione, centri di elaborazione dati di aziende, settore ricerca e sviluppo di aziende legate al settore ICT, enti e organizzazioni pubbliche e private.

Tecnici esperti in Applicazioni

I principali sbocchi occupazionali sono aziende di sviluppo software, aziende del settore ICT,
imprese nell’ambito dei sistemi informativi e delle reti di calcolatori, aziende che utilizzano sistemi ICT a supporto della produzione, centri di elaborazione dati di aziende, settore ricerca e sviluppo di aziende legate al settore ICT, enti e organizzazioni pubbliche e private.

Tecnici web

I principali sbocchi occupazionali sono enti e organizzazioni pubbliche e private e aziende di sviluppo software, imprese nell’ambito dei sistemi informativi e delle reti di calcolatori, aziende che utilizzano sistemi ICT a supporto della produzione, centri di elaborazione dati di aziende, settore ricerca e sviluppo di aziende legate al settore ICT, studi professionali, aziende di servizio

Tecnici gestori di basi di dati

I principali sbocchi occupazionali sono enti e organizzazioni pubbliche e private e aziende di sviluppo software, aziende del settore ICT, imprese nell’ambito dei sistemi informativi e delle reti di calcolatori, aziende che utilizzano sistemi ICT a supporto della produzione, centri di elaborazione dati di aziende, settore ricerca e sviluppo di aziende legate al settore ICT.

Tecnici gestori di reti e di sistemi telematici

I principali sbocchi occupazionali sono in aziende pubbliche o private nell’ambito dei sistemi informativi e delle reti di calcolatori, nelle aziende di telecomunicazioni e di produzione e di vendita di servizi di rete.

Tecnici della conduzione e del controllo di catene di montaggio automatiche

I principali sbocchi occupazionali sono aziende meccaniche, elettromeccaniche e manifatturiere che producono componenti elettromeccaniche e realizzano, collaudano e controllano componenti per sistemi d’automazione

Conoscenze e abilità richieste per l’accesso

Conoscenze e abilità richieste per l’accesso

Per l’accesso al Corso di Studio si richiedono una buona conoscenza della lingua italiana parlata e scritta, capacità di ragionamento logico, conoscenza e capacità di utilizzare i principali risultati della matematica elementare e dei fondamenti delle scienze sperimentali. Le relative modalità di verifica e gli eventuali obblighi formativi aggiuntivi attribuiti agli studenti saranno dettagliati nel Regolamento Didattico del corso di studio.

Modalità di ammissione

Modalità di ammissione

L’accesso al Corso di Studio non è a numero programmato.
Per essere ammessi ad un corso di laurea triennale è necessario essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di altro titolo di studio conseguito all’estero e riconosciuto idoneo.

Metodologia di studio

Metodologia di studio

Ogni insegnamento prevede numerose tipologie di L.O. (learningobject) fruibili online e offline, predeterminati dai CFU dell’insegnamento. Per ogni CFU sono previste 8 lezioni. Ogni lezione è costituita da 4 sessioni, ognuna delle quali presuppone una quantità di studio medio dello studente di mezz’ora. Vengono rispettati i vincoli minimi ministeriali di almeno 6 ore di didattica tra erogativa e interattiva, di cui almeno 1 ora di didattica erogativa e almeno 1 ora di didattica interattiva. La scelta della suddivisione tra didattica erogativa e interattiva è lasciata al docente, che così può utilizzare gli strumenti a disposizione nella maniera più adatta possibile a seconda dell’insegnamento.

Il VLE di eCampus (Virtual Learning Environment) supporta L.O. costituiti da:
– presentazioni multimediali (slides con commenti audio);
– videolezioni;
– filmati;
– test di valutazione (con domande aperte o chiuse);
– test di autovalutazione (in formato quiz);
– testi/dispense;
– attività interattive come forum, Wiki eCampus, C-MAP TOOLS. Tutti i contenuti prevedono un processo di certificazione per step sequenziali.

Sul sito di Ateneo, entro l’inizio di ogni anno accademico, all’interno della sezione Didattica e nelle Schede corso dei singoli insegnamenti, saranno disponibili l’elenco completo degli insegnamenti previsti dal piano dell’offerta formativa, l’articolazione didattica per CFU e la relativa distribuzione in termini di ore e tipologia attività formative previste (con le indicazioni per la Didattica Erogativa, Didattica Interattiva e Autoapprendimento), la metodologia di valutazione adottata, e la suddivisione in unità didattiche o moduli.

Modalità di svolgimento della prova finale

Modalità di svolgimento della prova finale

Per il conseguimento della laurea è prevista la redazione di una tesi elaborata dallo studente sotto la guida di un relatore e, opzionalmente, da uno o più correlatori.
La prova finale è costituita da un’attività di analisi, progettazione e/o realizzazione, che si conclude con un elaborato che dimostra la padronanza degli argomenti, la capacità di operare in modo autonomo e un buon livello di capacità di comunicazione.

Alla prova finale sono attribuiti 6 CFU e la prova è valutata dal relatore e dalla commissione di laurea nella misura di un punteggio
compreso fra 0 e 6 punti, che si somma alla media dei voti degli esami di profitto. Il punteggio viene attribuito valutando come il laureando ha affrontato le difficoltà della prova finale, la correttezza e la completezza del lavoro svolto e la qualità nella stesura dell’elaborato.

Per i Corsi di Studio triennali è prevista la sola proclamazione che si svolge con una breve cerimonia pubblica.
Il Regolamento del Corso di Laurea e di Ateneo definiscono i termini e le modalità per l’attribuzione della tesi e i criteri di individuazione del relatore.